giovedì 9 dicembre 2010

Donne casalinghe...disperate!

Ogni giorno mi capita di imbattermi in loro, le donne casalinghe...quelle disperate. Non si vede dal volto quanto lo siano realmente; certo, scrutandole immagineresti che hanno qualcosa di cui sfogarsi o che hanno appena avuto uno scazzo con qualcuno o che sono pronte a scattare per assalirti perchè imbestialite per chissà quale sfiga giornaliera. No, non si vede dal volto quanto siano disperate. Forse nemmeno lo sanno. Forse la consapevolezza in questo caso produrrebbe suicidi. Meglio che non lo sappiano.
Tutti i giorni a scuola, mentre aspetto paziente in quell'atmosfera irreale di genitori spossati e impegnati, mi sento adocchiata e circondata. Un punto nero. Me ne sto zitta in disparte, con la testa bassa ma riesco a osservare un pò tutti, li conosco bene ormai. E me ne sto sempre più lontana, sull'ultimo scalino grigio. Meglio non avere contatti. Ma oggi una di loro, forse più disperata delle altre ha voluto vendicarsi del mio silenzio ostinato. Mi ha buttato addosso frasi sconnesse, con motivazioni non occulte, lo riconosco, ma che non capivo ugualmente perchè non c'era un nesso logico nei suoi improperi gettati fuori come sa fare solo una donna minacciata che si difende. Mi ha guardato incazzata dal basso verso l'alto con gli occhi aguzzi e acidi accusandomi di intralciarla, con la mia posizione, nello svolgimento della sua mansione quotidiana. Non ho ben capito quale ostacolo io rappresentassi per lei. Ma ricordo che ho solo pensato "adesso finisce tanto". Avevo ragione: ha sorriso al suo indecifrabile bambinetto ed è fuggita via soddisfatta, lasciandomi inerte appoggiata alla colonna di cemento.
Ho avuto paura, ancora una volta: che potessi diventare un giorno come quella donna, disperata perchè sta vivendo, incattivita perchè non sa dialogare, sola perchè crede di avere ragione. Ho avuto paura ma poi mi sono ricordata delle strafiche, quelle che ho conosciuto quella notte nel locale. Ho ricordato quanto fosse morbida la loro pelle e dolce il loro profumo denso. Mi sono sentita rinascere. Nessuna casalinga disperata potrà convincermi del contrario!

2 commenti:

pornKrab on 11 dicembre 2010 17:25 ha detto...

Il lavoro, la routine, crea uomini e donne in cattività.
Per fortuna la perversione permette di liberarsi!

ilblogdicassandra on 11 dicembre 2010 22:18 ha detto...

Perversione però è un termine troppo pesante, nulla è perverso se fatto in maniera positiva, senza far male all'altro, nel pieno rispetto della libertà. Lasciamo usare questo termine alle persone bigotte o represse per giudicare chi invece è visto come troppo libertino magari!

Posta un commento

Text

 

Tags

Site Info

Followers

Porcoromantica Copyright © 2009 Blogger Template Designed by Bie Blogger Template